Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

Il premier non costa nulla e spende anche poco

Draghi rinuncia al suo stipendio da presidente del Consiglio

Il premier non costa nulla e spende anche poco

Il premier non costa nulla e spende anche poco
Dagli 88.353,98 euro lordi annui dell’uscente premier Conte a zero per l’attuale presidente del Consiglio Mario Draghi che sta governando, senza percepire un euro, gestendo un insieme di tecnocrati e politici che raccolgono quasi tutte le anime politiche italiane.

Il premier, inoltre, ha intrapreso un programma di spesa aggressivo volto a riavviare l’economia italiana all’indomani della pandemia Covid-19 cercando, allo stesso tempo, di arginare le intemperanze di alcuni leader dei partiti della coalizione che spingevano per una riapertura probabilmente troppo anticipata delle attività economiche non senza creare malumori tra le categorie imprenditoriali e chi sta facendo i conti con un altro male, uguale se non peggiore del covid: la fame e il tracollo economico.

Il presidente Draghi ha dichiarato inoltre di non ricoprire altre cariche presso enti pubblici o privati e non ha altri incarichi che comportino oneri sulla finanza pubblica. A parte qualche immobile di proprietà, di cui uno a Londra, il presidente del Consiglio non risulta essere proprietario di alcuna automobile, barca o aeromobile.

Non costa nulla, parla poco ma agisce con determinazione, ha un curriculum di tutto rispetto e spende poco! Non è uno slogan pubblicitario ma la sintesi di quello che è il capo dell’Esecutivo.

Sul sito della presidenza del Consiglio, nella sezione Trasparenza, sono riportate anche le spese sostenute da Mario Draghi. Per per missioni e viaggi di servizio il premier non ha speso nulla nel mese di febbraio e appena 330,90€ per gli trasferimenti e 549,86€ per pernottamenti e pasti nel mese di marzo.
Il premier non costa nulla e spende anche poco

Shortlink: https://bit.ly/3w8tjUF

Articoli Correlati

Politica

L'unica certezza al momento è che scatterà (finalmente) un seggio per l'ex premier ed anche uno per Casalino

Politica

Dopo 28 anni il pallino è ancora nelle mani del Cav: premier dimesso, Bce tentata da una decisione storica e intanto i partiti devono...

Politica

Da domani Stefano Bonaccini lavorerà per diventare segretario dem e Giulio Tremonti potrebbe iniziare a scrivere la finanziaria da presentare in ottobre

Politica

I numeri ci saranno, ma è il modus che dirà di più sul futuro delle coalizioni e sul tragitto di avvicinamento alle elezioni