Connect with us

Hi, what are you looking for?

Economia

Il green pass manda in bianco i matrimoni

Al Friuli Venezia Giulia non basta essere zona bianca per banchetti e matrimoni

Il green pass manda in bianco i matrimoni

Il green pass manda in bianco i matrimoni
Non basta essere tra le prime regioni d’Italia a cambiare colore per rimettere a posto tutto. “Nonostante la zona bianca, in Fvg la necessità del green pass, ovvero l’attestazione di avvenuta vaccinazione, guarigione o tampone negativo, di fatto ha reso impossibile l’organizzazione di matrimoni prima del 15 giugno”: lo ha affermato, all’ANSA, Stefania Vismara, presidente dell’associazione “Insieme per il wedding“.

“Ci sono state dichiarazioni contraddittorie anche a livello politico – ha aggiunto – che hanno ingenerato dubbi, facendo pensare che da stamani ci sarebbe stata piena libertà e che si sarebbero formate code di sposi.

Nulla di tutto ciò: posso assicurare che il settore sta attendendo con ansia la scadenza di metà mese perchè dopo aver aspettato così tanto tempo, nessuno intende rischiare sanzioni rispetto a cerimonie in cui non si rispetti scrupolosamente ogni dettaglio delle disposizioni di legge”.

Di “fare chiarezza sul green pass, in vigore in zona bianca per i matrimoni e altre cerimonie civili o religiose” lo ha chiesto anche, con un’interrogazione al ministro della Salute, il deputato di Forza Italia, Roberto Novelli.

“Oggi nella mia regione, il Fvg, così come in Molise e in Sardegna sarà nuovamente consentito festeggiare matrimoni, comunioni, battesimi, seppur con l’obbligo del certificato verde. Un obbligo che tuttavia operatori, sposi e famiglie non sanno come rispettare. E’ necessario consegnare una copia? Basta mostrarlo? Oppure serve un’autocertificazione? Chi deve svolgere questo compito? L’obbligo vale solo per gli ospiti o anche per chi lavora alla realizzazione dell’evento?”, spiega il deputato.

“Questi sono alcuni degli interrogativi che ho posto al governo per permettere agli operatori della filiera, fermi da 15 mesi, di poter ripartire con tranquillità e agli sposi di poter vivere al meglio questo importante giorno.

Se oggi riprendono questi eventi in tre regioni e dal 15 in tutta Italia lo dobbiamo alla svolta impressa dal governo alla campagna vaccinale e al lavoro della Conferenza delle Regioni che ha varato linee guida in grado di conciliare esigenze personali e collettive.

Ma va fatto un ultimo sforzo chiarificatore, per scongiurare il rischio che i dubbi portino a nuovi rinvii che metterebbero in ginocchio professionisti responsabili e sfiancherebbero le coppie”, conclude.

Per il momento i futuri sposi dovranno attendere, sperando che nel frattempo nessuno cambi idea!
Il green pass manda in bianco i matrimoni

Shortlink:  https://bit.ly/2RZ178c

Articoli Correlati

Politica

In piena crisi del governo Draghi, una carrellata delle principali posizioni politiche centriste, quasi tutte di ispirazione liberale e che alle prossime elezioni potrebbero...

Politica

Il Presidente di Mediaset, Fedele Confalonieri, grande amico e confidente di Silvio Berlusconi, in un’intervista al Corriere della Sera, racconta tra le altre la...

Politica

Chissà che non abbia, dunque, ragione Tommaso Labate che, nell’ultima puntata di Controcorrente, ha dichiarato in proposito: “E’ molto più difficile guidare il governo...

Politica

Nuovo fronte di scontro interno nel centrodestra, sulla candidatura per le regionali lombarde. In corsa il governatore uscente Attilio Fontana, indicato dalla Lega e...