I Verdi: “Sospendere i brevetti sui vaccini, Italia e Europa decidano”

I Verdi: “Sospendere i brevetti sui vaccini, Italia e Europa decidano”

Bonelli: “Imprese farmaceutiche liberino i brevetti e moltiplichino la produzione di vaccini”

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

I Verdi: “Sospendere i brevetti sui vaccini, Italia e Europa decidano”.
“Il governo e la UE facciano presto su AstraZeneca.
Nel corso di una campagna vaccinale già molto difficile, fermare tutto fino a giovedì è paradossale: l’EMA si riunisca e giunga a una conclusione oggi stesso. I cittadini, le famiglie e i lavoratori devono avere risposte chiare e celeri, sia sulla sicurezza che sulle tempistiche.

Per questo motivo, chiediamo all’UE di considerare seriamente la sospensione dei brevetti, considerato che le multinazionali farmaceutiche hanno ricevuto decine di miliardi di euro pubblici per la ricerca e lo sviluppo dei vaccini”.

Così, in una nota, Angelo Bonelli, coordinatore nazionale dei Verdi ed esponente di Europa Verde. “In questa situazione- osserva- c’è un problema che si chiama fiducia. Il venir meno della fiducia è il danno più grave che possa essere fatto.

Alla luce di tutto ciò, la questione della proprietà intellettuale su farmaci e vaccini va affrontata: eliminando i brevetti, si potrebbe permettere a numerose aziende nel mondo di produrre i vaccini necessari a ripartire.

Spiace constatare che Italia ed Europa non abbiano accettato la proposta di Sud Africa e India di sospendere i brevetti per consentire una massiccia produzione a partire dai Paesi poveri, riuscendo così a salvare la vita di milioni di persone. In questo momento di pandemia globale, e di conseguenza di gravissima crisi sanitaria ed economica, l’unica via per combattere efficacemente il virus passa per un vaccino libero per tutti. Per questo, – conclude Bonelli, – siamo convinti che l’UE, il faro della civiltà, debba assumere subito un ruolo di cooperazione globale rafforzata fermando immediatamente la speculazione”.

I Verdi: “Sospendere i brevetti sui vaccini, Italia e Europa decidano”

TAGS