Connect with us

Hi, what are you looking for?

Culture

Giornata mondiale libertà di stampa a Milano

Celebrazioni al Giardino dei Giusti

Giornata mondiale libertà di stampa a Milano

Giornata mondiale libertà di stampa a Milano
I giornalisti come tramite fondamentale per spingere la societa’ e la politica a mobilitarsi contro le ingiustizie nel mondo.

È il senso dell’incontro tenuto stamattina al Giardino dei Giusti di Milano per celebrare i “Giusti dell’informazione” in occasione della Giornata mondiale della libertà di stampa, dedicata quest’anno dall’Unesco all’informazione come bene pubblico.

L’iniziativa, organizzata dalla Fondazione Gariwo con la partecipazione di giornalisti, direttori di testate, dei rappresentanti della stampa estera a Milano e di Lamberto Bertole’, presidente del Consiglio comunale di Milano, ha reso omaggio a figure simbolo della battaglia per la libertà di espressione, onorate nel Giardino dei Giusti di tutto il mondo nel parco del Monte Stella: Liu Xiaobo, autore della Carta 08, premio Nobel per la pace; Raif Badawi, blogger saudita condannato a mille frustate per aver difeso il dialogo tra fedi e culture diverse; Samir Kassir, giornalista libanese, ucciso per aver difeso la libertà di espressione; Hrant Dink, assassinato per aver difeso la memoria del genocidio armeno in Turchia; Anna Politkovskaja, che ha perso la vita per aver denunciato i massacri di civili in Cecenia.

In rappresentanza della stampa italiana è intervenuto Alessandro Galimberti, presidente dell’Ordine dei Giornalisti della Lombardia, ricordando che “esiste un diritto all’informazione per i cittadini e un dovere che fa capo ai giornalisti. Un dovere che ha un obiettivo chiaro: la verità, che è un percorso faticoso, di sofferenza.

E la verità rende soli i giornalisti”.
Giornata mondiale libertà di stampa a Milano

Shortlink: https://bit.ly/33dBWAQ

Articoli Correlati

In evidenza

É questa in sintesi la squadra di governo presentata dal sindaco di Milano

In evidenza

«Questo premio ci dà la forza per continuare la lotta per la verità»

Culture

La conduttrice ha dovuto leggere per otto minuti, sotto diffida, una lettera di Giuseppe Conte