Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

Giallo AstraZeneca, tre decessi. Interviene Draghi

Si tratterebbe di uno stesso lotto difettato, sequestrato dai Nas. Oggi ne parlerà il premier

Giallo AstraZeneca, tre decessi. Interviene Dragh.
Tre decessi sospetti di uomini sani, tutti vaccinati con AstraZeneca – stesso lotto, stessi giorni – in Sicilia.

Si diffonde la psicosi. Tanto che decide di parlarne apertamente, affrontando il tema centrale di AstraZeneca, il premier Mario Draghi, nel suo intervento di domani all’hub vaccinale di Fiumicino.

In mattinata il presidente del Consiglio ha chiesto chiarimenti alla presidente della commissione europea Ursula Von Der Leyen e ne ha ricevuto rassicurazioni sulla “review”, la procedura accelerata di verifica, avviata per verificare se c’é un nesso con i casi di trombosi registrati dopo alcune vaccinazioni.

L’Italia continua a muoversi nel solco Ue: dopo lo stop a uno dei lotti di AstraZeneca deliberato dall’Aifa, il governo terrà conto degli approfondimenti in corso da parte dell’Ema prima di assumere altre decisioni.

E’ difficile, si osserva in ambienti di governo, che già domani possano esserci risposte definitive. Ma il presidente del Consiglio, viene spiegato, nel suo intervento pubblico sul tema dei vaccini invierà un messaggio di chiarezza, anche perché un silenzio non possa essere interpretato come colpevole.

Rispondendo ad una sollecitazione del responsabile comunicazione di Fi Antonio Palmieri, di una comunicazione circostanziata e chiara sulla sicurezza di AstraZeneca, ieri sera la portavoce del premier Paola Ansuini su Twitter ha assicurato: “Draghi parlerà pubblicamente in modo puntuale su questo tema. Saremo presso il centro vaccinale di Fiumicino alle 15.00”. 

L’Agenzia europea per i medicinali (Ema) ha aperto un’indagine, ma al momento assicura che non vi sono indicazioni che la vaccinazione abbia causato le patologie in questione.

Nel frattempo, però, diversi Stati hanno adottato misure precauzionali: Austria, Estonia, Lituania, Lussemburgo e Lettonia hanno sospeso le inoculazioni con il lotto sospetto, l’Abv5300.

Danimarca, Norvegia e Islanda sono andate oltre: hanno sospeso tutte le somministrazioni del siero di AstraZeneca. L’Italia ha, invece, bloccato un altro lotto sospetto, l’Abv2856.

Hanno invitato alla calma e garantito che andranno avanti con la somministrazione del siero prodotto dall’azienda anglo-svedese in collaborazione con l’Università di Oxford: Spagna, Germania e Francia. “In Spagna, non ci sono casi di trombosi legati al vaccino, solo effetti collaterali minori”, ha dichiarato il ministro della Salute, Carolina Darias.

“Non c’è motivo di sospendere” l’uso del vaccino AstraZeneca, ha detto il ministro della Salute francese, Olivier Veran. Stessa posizione espressa da un portavoce del ministero della Salute tedesco.

Giallo AstraZeneca, tre decessi. Interviene Dragh.

Articoli Correlati

In evidenza

Tutti 'colpevoli', secondo Erdogan, di avere rilasciato una dichiarazione all'inizio di questa settimana

Sostenibilità

Sospesi medici no vax a Torino

Culture

Da Riccardo Luna una bocciatura senza appello del nuovo portale del governo dedicato al Recovery

Culture

La Commissione Ue apre un’indagine sull’acquisizione di Kustomer da parte del social network