Economia

Gas & inflazione, i conti in rosso che spaventano il sistema Ue

Oltre alla diversificazione energetica, che sta provocando un terremoto politico in Germania, la partita dei prezzi sta azzoppando economie fragili come Italia e Turchia

I PREZZI DI FRUTTA E VERDURA ALLE STELLE PIAZZA CAMPO DEI FIORI CORONAVIRUS CORONA VIRUS COVID19 COVID 19 ORTAGGI PREZZI CARI MERCATO MERCATI BANCO BANCHI ALL'APERTO RINCARO PREZZO

Sono fosche le tinte delle previsioni economiche per i paesi dell’area euro, stretti nella morsa della guerra che impatta nel periodo post-pandemia. Un minifocus su tre paesi significativi come Germania, Italia e Turchia può rivelarsi utile per sottolineare le criticità e immaginare le prospettive nel breve e nel medio periodo.

Qui Germania

Dopo i 100 miliardi stanziati sulla difesa, la Germania ne mette altri 3 per terminali di Gnl: il governo ha deciso di noleggiare quattro terminali di gas naturale liquefatto per immaginare una via di fuga dal gas russo, su cui però la polemica infuria tra i pro e i contro. Molti industriali considerano l’abbandono dell’energia russa un grave errore, mentre la fazione atlantista del governo, guidata dal ministro degli esteri Annalena Baerbock, è decisa a sposare lo stop dalle risorse di Mosca.

Nel mezzo la posizione del cancelliere Olaf Scholz che non è serena, dopo il rodaggio iniziale che ha accusato e mentre continua il silenzio di Angela Merkel sulla guerra in Ucraina.

Qui Italia

Il debito pubblico italiano a febbraio è salito a 2.736,6 miliardi con l’inflazione al 6,5%. Al di là della lieve limatura sulle previsioni del 6,7%, è un dato altamente preoccupante. Secondo Bankitalia nei primi tre mesi del 2022 l’Italia ha perso mezzo punto di pil, situazione aggravata dalle previsioni di crescita del Def che vedono “significativi rischi al ribasso”. Anche la Corte dei Conti si pronuncia con un segno negativo (meno 40 miliardi nel biennio fino al 2023).

Gli effetti sociali sono già visibili in Italia, con difficoltà nel pagare le bollette e rischi di licenziamenti da parte di imprese che scontano il caro materie prime.

Qui Turchia

Prezzi alle stelle e costi di produzione aumentati del 300% per gli agricoltori turchi, un trend iniziato già prima della guerra in Ucraina con l’inflazione annuale alla produzione che sfiora il 115%. I prezzi dei fertilizzanti sono aumentati dal 233% al 344% nello scorso marzo e i prezzi dei foraggi del 130%. Non va bene per nessuno nel paese la combinazione “post-pandemia + guerra”. Se da un lato aumenta la produzione industriale al ritmo più veloce degli ultimi sei mesi, a causa del calo della lira che così ha spinto le esportazioni, dall’altro l’impoverimento generale è un dato oggettivo che non potrà migliorare bel breve periodo.

@L_Argomento

Articoli Correlati

Internazionale

Ankara Analytica: così un'agenzia governativa sta raccogliendo i dati di tutti gli utenti Internet turchi perché i giovani elettori si informano ormai sui social...

Economia

Mentre l'Europa corre per staccarsi dall'energia russa, i produttori americani di gas naturale stanno raddoppiando gli sforzi per soddisfare la domanda e quindi i...

Politica

“L'europarlamentare del Pd: “L’aumento del costo dei mangimi a causa dell’attuale crisi Ucraina, sta generando un crollo del valore aggiunto che in alcuni settori...

Economia

Come se non si potesse prevedere la reazione di Mosca: c'è il rischio che l'intera questione legata all'energia e ai livelli produttivi sia stata...

PA.MO EDITORE – Vicolo della campana, 22 00186 Roma RM – pamosrl@legalmail.it Partita IVA 16020381006 – Iscritto al n. 28/2021 del Registro della Stampa del Tribunale di Roma.

Exit mobile version