Export: Assindustria Veneto lancia “Obiettivo Digital”

Export: Assindustria Veneto lancia “Obiettivo Digital”

Segnali di ripresa registrati da Prometeia – Istat, ma sulla digitalizzazione è necessario salto di qualità

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

Export: Assindustria Veneto lancia “Obiettivo Digital”
Se l’export fosse la lampadina dell’andamento economico, quest’anno dovrebbe far luce di più.

A fronte di una caduta generalizzata dell’export made in Italy nel 2020 della pandemia (-9,7%), più contenuta in Veneto (-8,2%), nel 2021 la stima è una risalita fra l’8 e il 10% (Prometéia-Istat).

L’e-Commerce e il digitale hanno avuto un ruolo fondamentale nel contenere la caduta: nel 2020 l’export digitale italiano di beni di consumo è cresciuto del +14% (13,5 miliardi di euro), ma ci sono ancora ampi margini di crescita (Osservatorio Export Digitale Polimi). Il 56% delle imprese usa canali digitali per vendere prodotti all’estero, ma quasi il 75% esporta online prodotti per meno del 20% del proprio fatturato.

Un’impresa su dieci non ha né un export manager né un e-Commerce manager.

A Nordest le imprese più attive nell’internazionalizzazione sono quelle con un livello elevato di “digitalizzazione classica” (sito web, e-Commerce, social media) e di “tecnologie 4.0” (manifattura additiva, robot). La quasi totalità delle medie imprese ha un sito web.

Ma solamente il 13,8% dei portali consente di fare ordini e prenotazioni online
Export: Assindustria Veneto lancia “Obiettivo Digital”

Shortlink: https://bit.ly/3wTNcjr

TAGS