Connect with us

Hi, what are you looking for?

Economia

Energia, cibo, materie prime: vivere ai tempi dell’inflazione (già prima della guerra)

Primo banco di prova il grano, per via delle navi bloccate nel mar Nero. Previsioni di crescita tagliate dal FMI anche per la Cina, mentre in Germania prezzi mai così alti dal 1949

GRANART - L' ALBERO DEL PANE IMPASTO IMPASTI STESURA STESURE PASTA PASTE PIZZA PIZZE AZIENDA ALIMENTARE IMPASTARE

Non c’è solo il fronte ucraino a spaventare mercati, imprese e cittadini ma il complessivo retroterra post-pandemia che già ribolliva prima del conflitto. E’ un problema non solo italiano, visto che i livelli di inflazione sono alti anche negli Usa. Ma l’intero capitolo delle conseguenze abbraccia molti fronti, dai livelli occupazionali alla pianificazione di scelte di vita come ad esempio l’andare in pensione o l’acquisto di beni di prima necessità come il pane. 

Previsioni

Gli aumenti di prezzo per moltissimi prodotti e servizi fanno incupire le previsioni per i prossimi mesi, con da un lato i consumatori che si fermano nel mettere la mano in tasca per oggettiva paura e, dall’altro, cittadini e famiglie che non riescono ad affrontare le spese quotidiane. Negli Usa la recessione economica non è più sono uni spauracchio, ma un rischio concreto secondo molti analisti. Però getta acqua sul fuoco il Ceo di Bank of America, Brian Moynihan, secondo cui la spesa negli Usa resta sana nonostante l’inflazione: “I consumatori statunitensi sono una forza molto forte e puoi vederli molto sani. I loro saldi dei prestiti sono in calo, hanno un’ampia capacità di indebitamento e hanno un’ampia capacità di spesa”.

Prezzi e FMI

In Germania i prezzi non sono mai stati così alti dal 1949, mentre il FMI riduce le previsioni di crescita globale al 3,6% poiché la guerra in Ucraina colpisce duramente e in più direzioni. Si tratta di una battuta d’arresto per chi deve affrontare spese raddoppiate e tassi di interesse. La nuova previsione è inferiore di 0,8 punti percentuali rispetto alla sua proiezione di gennaio e comprende anche un taglio di 1,3 punti rispetto alle prospettive diffuse nello scorso ottobre. Anche per la Cina il Fondo monetario internazionale ha ulteriormente ridotto le sue previsioni di crescita, al 4,4%, ben al di sotto delle speranze di Pechino del 5,5%.

@L_Argomento

Articoli Correlati

Economia

Lo scorso giugno la Svizzera ha importato dalla Russia solo 284 kg di oro per un valore di circa 16 milioni di dollari, in...

Internazionale

Spionaggio: Ivan Bakanov e Irina Venediktova pagano il prezzo più alto. Nel frattempo è giallo su un cargo serbo precipitato in Grecia con 8...

Economia

L'intervento di Claudio Togna: il costo, stimato per difetto, per la ricostruzione dell'Ucraina si aggirerebbe tra i 750 e i 1.000 miliardi di euro

Politica

L’Italia è in piena impennata di casi Covid dovuti in prevalenza alla diffusione della nuova variante Omicron 5, più contagiosa e meno letale delle...