Editoria: nasce Jundo, la Netflix dei fumetti

Editoria: nasce Jundo, la Netflix dei fumetti

Il progetto è stato realizzato da una startup creata nel 2020 da un team di 14 ragazzi under 30

Tempo di lettura stimato 2 minuti

Editoria: nasce Jundo, la Netflix dei fumetti
La digitalizzazione dell’editoria è un fenomeno sempre più pervasivo e riguarda anche i fumetti. In quest’ottica nasce Jundo, la piattaforma digitale italiana per la lettura di fumetti online sia italiani sia internazionali, prodotti da giovani autori e autrici.

Una startup creata nel 2020 da un team di 14 ragazzi under 30 – grazie alla vittoria del bando della Regione Lazio “Fondo per le startup culturali e creative” – con l’obiettivo di espandere l’orizzonte del fumetto, permettendo agli autori emergenti di arrivare sul mercato, evitando le difficoltà legate all’autoproduzione e alla distribuzione.

Jundo consente di fruire sia di contenuti originali realizzati da artisti emergenti sia di opere straniere finora inedite in Italia. La piattaforma digitale è accessibile da qualunque dispositivo con un abbonamento mensile di 1,99 euro (con una settimana di prova gratuita per leggere tutto il catalogo). Inoltre, dalla stessa piattaforma, tramite lo shop integrato e’ attualmente possibile – fino al 1 novembre – pre-ordinare i primi 9 Original (di cui il 100% va all’autore) e dal 15 novembre iniziera’ la vendita effettiva. In futuro, sarà possibile acquistare anche le opere di diverse delle realtà partner. Jundo nasce con l’obiettivo di abbattere l’eterno conflitto tra digitale e cartaceo, dando la possibilita’ agli artisti stessi di proporre le proprie opere nei due formati.

Tramite sito e app, il lettore avrà inoltre la possibilità di leggere gratuitamente il primo capitolo di ogni opera. Inoltre, in virtù della visualizzazione digitale, ogni opera è progettata per una fruizione ottimale su smartphone/tablet/pc: i testi sono più grandi e i profili colore sono scelti ad hoc.

In stampa queste caratteristiche vengono riadattate per il formato cartaceo, creando un’esperienza diversa nei due formati e portando al massimo dell’ottimizzazione le due versioni.

“La scuola italiana del fumetto è un riferimento a livello internazionale, siamo riconosciuti in tutto il mondo ma c’è una stagnazione generalizzata: opere internazionali irreperibili e leader di vendite che sono gli stessi da più di 30 anni – dichiara Lorenzo Carucci, fondatore e Lead Strategist di Jundo – I prezzi dei vari volumi sono elevati e per un lettore spendere diversi euro per il volume di un autore emergente, seppur ne sia intrigato, diventa complesso.

Moltissimi autori si scontrano inoltre con l’impossibilità di entrare nel mercato, costretti a sfide logistiche, costi di promozione altissimi e identificazione automatica in una nicchia di mercato.

Jundo non pone limiti a stili e generi, si basa su una soluzione che fonde digitale e cartaceo, portando opere inedite in Italia, e punta a distruggere queste barriere donando una nuova linfa vitale nel mondo del fumetto.

Vogliamo che gli autori emergenti possano arrivare sul mercato evitando le enormi difficoltà legate all’autoproduzione e alla distribuzione”.
Editoria: nasce Jundo, la Netflix dei fumetti

Shortlink:  https://bit.ly/30fB0NZ

TAGS