Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Ecco l’agenda dei cattolici per una nuova presenza pubblica (e politica)

PIETRO PAROLIN CARDINALE
Tempo di lettura stimato < 1 minuto

“La condivisione larga dei valori cristiani implica l’adozione di un concetto ampio di ragione e di ragionevolezza, una ragione allargata come ha ribadito più volte Papa Benedetto XVI”. Lo ha detto il Segretario di Stato Pietro Parolin intervenendo al meeting “Ditelo SUI TETTI – Pubblica agenda sussidiaria e condivisa”, promosso alla Pontificia Università Angelicum di Roma alla presenza del presidente della CEI, Card. Gualtiero Bassetti e di Benedetto Delle Site, presidente nazionale del Movimento Giovani UCID (Unione Cristiana Imprenditori e Dirigenti).

Il cardinale Parolin ha così messo l’accento su un tracciato molto interessante per l’operatività nella società dei cattolici: “Ragionevolezza, dignità e bellezza sono le caratteristiche sulle quali fare leva perché il Cristianesimo, la Chiesa, i cristiani, possano oggi ispirare pensieri e opere in seno al contesto sociale; e così incidere a non soltanto a livello privato, ma anche pubblico e politico”.

Circa la separazione tra Stato e Chiesa, il cardinale Parolin ha sottolineato infine che tale distinzione produce “la libertà della Chiesa e dei cristiani di esprimere anche nell’ambito pubblico pensieri, azioni e comportamenti corrispondenti alla propria fede con il pieno diritto di sollecitare, ben oltre la sfera del privato, corrispondenti azioni pubbliche e leggi a tutela dei valori professati”. Una laicità “autentica”, dove lo Stato non impedisce “l’espressione religiosa ma anzi ne profitta, nella doverosa distinzione di ambiti, farà sì che i laici possano davvero compiere la loro missione, essere sale della terra e luce del mondo”.

Secondo Delle Site occorre “rimodulare le politiche per la sostenibilità, affinché siano guidate non più da teorie di tipo malthusiano empiricamente smentite, bensì da un’ecologia integrale che in sé ricomprenda anche un’ecologia dell’umano: non meno micidiali dell’emissione di CO2 sono il calo delle nascite, le nuove povertà e l’assenza di opportunità per i giovani”.

@L_Argomento

 

Articoli Correlati

Internazionale

Si è parlato nelle ultime ore di un soggetto forte, fortissimo, in grado di affrontare il leader russo. Andando per esclusioni ne restano forse...

In evidenza

L'ex ministro dell'istruzione: “Il caso D'Alema? Non abbiamo preclusioni di sorta, ma si dica chiaro che fine farebbero i cattolici nel partito. Se qualcuno...