Connect with us

Hi, what are you looking for?

In evidenza

È l’ora del caffè finalmente servito al banco

Nell’Italia bianca sparisce il coprifuoco e si va già al ristornate al chiuso anche in cinque

È l’ora del caffè finalmente servito al banco

È l’ora del caffè finalmente servito al banco
Sembrava un miraggio, molti avevano perso la speranza e invece, almeno nelle zone bianche, per 3,1 milioni di italiani hanno potuto sorseggiare una tazza di caffè al banco senza il terrore di multe!

I fortunati vivono in Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Molise dove sparisce anche il coprifuoco e sono anticipate le riaperture delle attività previste tra il 1 giugno e il 1 luglio.

I numeri li ha dati la Coldiretti, che ha realizzato un’analisi sugli effetti del passaggio in zona bianca delle prime tre regioni alle quali potrebbero seguire dal 7 giugno Abruzzo, Liguria, Veneto e Umbria e poi il 14 giugno Lazio, Lombardia, Piemonte, Puglia, Emilia Romagna e Trento.

Se la possibilità per residenti e turisti di godersi le consumazioni al bancone e di pranzare e cenare all’interno dei locali si estenderà all’intera Penisola dal primo giugno, nei 22mila bar, ristoranti, pizzerie e agriturismi presenti in Friuli Venezia Giulia, Sardegna e Molise colorate di bianco – sottolinea la Coldiretti – si potrà anche superare il limite di 4 posti per tavolo e quello del coprifuoco ma aperture sono previste anche per matrimoni, fiere, parchi tematici, convegni e congressi, piscine al chiuso, centri termali, sale giochi, bingo e casino, centri ricreativi e sociali, corsi di formazione pubblici e privati, competizioni sportive al chiuso.

Si tratta di un obiettivo che entro metà giugno verrà raggiunto da quasi 7 italiani su 10 (69%) per un totale di 40,9 milioni di persone si troveranno in zona bianca con il livello minimo di restrizioni, secondo le analisi della Coldiretti.

Un via libera atteso per la popolazione residente ma – precisa la Coldiretti – anche per sostenere il turismo nazionale e straniero con l’arrivo dell’atteso green pass. Il cibo infatti – conclude la Coldiretti – è diventato la voce principale del budget delle famiglie in vacanza in Italia con circa un terzo della spesa di italiani e stranieri destinato alla tavola per consumare pasti in ristoranti, pizzerie, trattorie o agriturismi, ma anche per street food o specialità enogastronomiche.
È l’ora del caffè finalmente servito al banco

Shortlink:  https://bit.ly/3fB7NT1

Articoli Correlati

Culture

Ritorna a Martina Franca (Taranto) una mostra d’estate di fotografie di Marcello Nitti, denominata ‘Soul Senses, Sensazioni dell’animo’, dal 16 giugno a fine luglio....

Economia

Il settore turistico può guardare con ottimismo alla stagione 2022, ma al contempo andranno messe in campo politiche mirate (senza la scorciatoia dei bonus)

In evidenza

Intervista al Presidente di Acquedotto Pugliese: “Gli Stati si stanno caratterizzando sempre più per un campanilismo energetico e delle fonti naturali, che va controbilanciato...

In evidenza

Sono 98,7 milioni i fondi ministeriali impiegati per migliorare il trasporto pubblico lombardo