Connect with us

Hi, what are you looking for?

Economia

Covid più guerra: la grande recessione arriva adesso

Non potranno essere solo i consumatori a portare questo peso sulle spalle

Inflazione, tassi di interesse, carenza di gas, stagflazione: così l’economia globale si trova ad essere zavorrata da questi quattro elementi che si sommano ai dati negativi di due anni targati Covid. E’ di tutta evidenza come non potranno essere solo i consumatori a portare questo peso sulle spalle, dal momento che i danni si avvertiranno purtroppo anche in seno ai livelli occupazionali delle imprese.

Corto circuito

In Inghilterra l’inflazione ha toccato nuovo massimo da quattro decenni, facendo segnare un più 9% nel maggio scorso. La Banca d’Inghilterra minaccia di aumentare velocemente i tassi di interesse. Ciò si lega al rischio di razionamento del gas e alla decisione del governo tedesco di far rivivere le vecchie centrali a carbone per far fronte alla crisi dell’approvvigionamento di gas. Un annuncio scioccante perché fatto da un ministro dell’economia appartenente al Partito dei Verdi.

Blocco dei porti

La file di navi in attesa fuori dai principali porti del mondo sono la fotografia della crisi globale e del blocco della catena di approvvigionamento. Giorni fa alcuni lavoratori del settore portuale hanno scioperato a Brema, Amburgo, Emden e Wilhelmshaven perché il blocco dei transiti a Shanghai ha innescato una serie di effetti a catena sulle catene di approvvigionamento.

Come osservato nel suo report annuale da Descartes Systems Group, leader mondiale nell’unione delle attività commerciali ad alta intensità di logistica, le spedizioni di container di maggio negli Stati Uniti hanno raggiunto un nuovo massimo storico. Anche per questa ragione il presidente Joe Biden ha appena firmato una legge per diminuire i costi di spedizione (si chiama Ocean Shipping Reform Act). Dovrà essere valutato come sarà applicato dalla Federal Maritime Commission, ovvero l’agenzia che regola il settore marittimo, da sempre tacciata di avere tempi biblici. La legge permetterà all’agenzia più potere di applicazione per reprimere potenziali negligenze.

Qui Usa

Il tutto mentre il governo americano ha approvato all’unanimità una nuova legge contro il lavoro forzato che, secondo i legislatori che l’hanno proposta, è direttamente proporzionale alle violazioni dei diritti umani in Cina. In base alla nuova legge gli agenti doganali avranno il potere di trattenere al largo una nave mercantile e sequestrarne il contenuto.

Nel frattempo una startup del New Jersey ha progettato container che possono piegarsi come una fisarmonica e in questo senso potrebbero risolvere la congestione nei porti e nei cantieri navali negli Stati Uniti. Ma sarebbero comunque una goccia in questo oceano di crisi.

@L_Argomento

Articoli Correlati

Economia

Lo scorso giugno la Svizzera ha importato dalla Russia solo 284 kg di oro per un valore di circa 16 milioni di dollari, in...

Internazionale

Spionaggio: Ivan Bakanov e Irina Venediktova pagano il prezzo più alto. Nel frattempo è giallo su un cargo serbo precipitato in Grecia con 8...

Economia

Ciò che si teme, al di là della crisi energetica, è la crisi sistemica dell'Italia, incapace di “usare” al meglio un nome internazionale come...

Politica

Dopo la mini crisi innescata dal m5s sul decreto aiuti, il premier decide come proseguire (e se)