Connect with us

Hi, what are you looking for?

Internazionale

Cosa ci guadagna la Russia dal mercato petrolifero indiano (a spese dei big players dell’OPEC)?

Potrebbe fare così concorrenza a Iraq e Arabia Saudita, in quel caso si innescherebbe una tensione che con l’invasione dell’Ucraina non c’è stata visto che quei paesi sono rimasti sostanzialmente neutrali.

RAFFINERIA LUKOIL RAFFINERIE PETROLIO CARBURANTE CARBURANTI GREGGIO IDROCARBURI IDROCARBURO BENZINA IMPIANTO IMPIANTI ESTRAZIONE TRIVELLA TRIVELLE POZZO POZZI PETROLIFERO PETROLIFERI

Si arricchisce di un nuovo capitolo la crisi del petrolio dopo l’invasione russa dell’Ucraina: l’occidente non vuole più l’oil di Mosca? E Putin lo vende all’India.

Gli Emirati Arabi Uniti hanno dichiarato di essere vicini al tetto massimo di produzione di petrolio, in vista della visita di Joe Biden, che dovrebbe fare pressioni per aumentare la produzione. Di contro il presidente Usa punta a che l’Arabia Saudita e gli emirati si impegnino per abbassare i prezzi del petrolio, visto che negli Stati Uniti i consumi sono scesi ai minimi dell’era della pandemia. Ma Riyadh vuole che Biden arrivi senza richieste di esportazione di petrolio e invece porti un pacchetto che includerebbe ulteriore supporto alla difesa da parte degli Stati Uniti.

L’Arabia Saudita a maggio ha fatto segnare un dato di 10,45 milioni di barili pompati al giorno, per cui nell’immediato futuro potrebbe verosimilmente puntare a un aumento della produzione dalla sua Zona Neutrale condivisa con il Kuwait.

Due giorni fa i prezzi sono aumentati perché i principali produttori del golfo sembravano essere in difficoltà nell’aumentare la produzione: al contempo i governi occidentali hanno deciso di verificare se esiste un modo indolore per limitare il prezzo del petrolio russo. Il riferimento è ad un potenziale divieto di trasporto del petrolio russo che è stato venduto al di sopra di un certo prezzo. Altri fattori di destabilizzazione si ritrovano in Libia, dove la compagnia Noc potrebbe dover dichiarare uno stato di emergenza nel Golfo della Sirte se le spedizioni non riprenderanno.

In sostanza la Russia sta compiendo molti passi in avanti nel mercato petrolifero diventando il principale fornitore indiano. Alla luce della fine delle relazioni con gli acquirenti europei, la Russia ha deciso di vendere 1,2 milioni di barili al giorno a Nuova Dehli. Ovvero soddisferà il 21% di tutte le importazioni in India, riducendo le quote del greggio iracheno e statunitense.

@L_Argomento

Articoli Correlati

Economia

Lo scorso giugno la Svizzera ha importato dalla Russia solo 284 kg di oro per un valore di circa 16 milioni di dollari, in...

Economia

La grande partita che si è aperta dopo la decisione dell'Unione Europea di cercare petrolio non russo coinvolge più soggetti a 360 gradi

Economia

Ieri c'è stato il terzo più grande calo in assoluto in termini di dollari: Goldman minimizza, ma le imprese e i mercati tremano

Economia

Il cambio di rotta della BCE arriva troppo tardi, visto che ormai l'inflazione ha consumato salari ed eroso i risparmi. Il prossimo step potrebbe...