Connect with us

Hi, what are you looking for?

Economia

Chiude il granaio d’Europa: dalla speculazione più fame e migrazioni

Il problema più serio sono i giochi sul mercato mescolati alla foga di fare scorte. Russia ed Ucraina rappresentano l’80% della produzione mondiale di olio di girasole e Kiev è il quarto esportatore mondiale di mais.

GRANART - L' ALBERO DEL PANE IMPASTO IMPASTI STESURA STESURE PASTA PASTE PIZZA PIZZE AZIENDA ALIMENTARE IMPASTARE
Tempo di lettura stimato 2 minuti

Il 15% della produzione mondiale di grano proviene da Russia e Ucraina diretta in Africa ed Asia. Ragion per cui si sta aprendo un fronte caldissimo sul versante alimentare/migratorio, visto e considerato che i due paesi rappresentano l’80% della produzione mondiale di olio di girasole e l’Ucraina è il quarto esportatore mondiale di mais. Un dossier che l’Ue dovrebbe meglio attenzionare, per fare massa e provare a calmierare i prezzi con politiche mirate.

Pasta e pane

Il chernozem è il tipo di suolo scuro ucraino, considerato tra i più fertili al mondo. Per questa ragione il minus alla voce grano già si fa sentire nei paesi del Maghreb e, in prospettiva, rappresenta un tema anche per chi produce pasta e pane soprattutto alla voce costi. L’Italia importa complessivamente il 64% del suo fabbisogno di grano tenero (per pane e biscotti) e il 44% di grano duro per la pasta da Francia (19,9%), Canada (14,4%) e Ungheria (13%); da Kiev e Mosca meno del 2%. In totale all’Italia occorre circa un sesto della produzione mondiale.

Scorte

Per cui il problema, al momento, più che l’approvvigionamento verte una oggettiva speculazione e la foga di fare scorte, con chi prova a fare rifornimento per il futuro, creando un effetto domino. Per questa ragione i prezzi al consumo stavano già aumentando prima della guerra in Ucraina. Sui mercati si assiste ad una domanda senza precedenti di grano da parte di acquirenti che restano sguarniti, perché le consegne dal Mar Nero semplicemente non arrivano. Inoltre la decisione bulgara di fermare le sue esportazioni, che rappresentano il 4% del nostro fabbisogno di grano, incide fino ad un certo punto sulla complessità dei prezzi.

Fame e migrazioni

Diverso invece è il discorso sulle farine, per cui Italmopa – Assciazione Mugnai d’Italia ha lanciato un avvertimento: ci saranno conseguenze sulle produzioni, posto che almeno per un paio di anni da Russia e Ucraina non ci saranno esportazioni di grano e mais. Sul punto pesano le parole del commissario europeo per l’agricoltura Janusz Wojciechowski secondo cui una crisi alimentare potrebbe “aumentare la pressione migratoria sull’Europa”.

@L_Argomento

Articoli Correlati

Internazionale

Intanto Biden ripristina l'Indo-Pacific Economic Framework (IPEF) dopo che 5 anni fa Trump si era ritirato da quel partenariato

Internazionale

L’Europa in Ucraina, l’Ucraina in Europa è il titolo della conferenza stampa che si terrà a Roma presso la Fondazione Einaudi lunedì 23 maggio...

Internazionale

Il triplo gioco di Erdogan con Russia, occidente e Cina non è al riparo da rischi.

Economia

Dopo l'out di Ucraina e Russia, con le mancate consegne dal mar Nero, la decisione nazionalistica di Nuova Delhi non rimarrà senza conseguenze