Connect with us

Hi, what are you looking for?

Internazionale

C’è un Bruto in Russia? Il tweet del senatore repubblicano che chiede di eliminare Putin

Lindsey Graham, eletto nella Carolina del Sud ha fatto un appello cruento al popolo russo perché “si faccia avanti”.

Tempo di lettura stimato 2 minuti

“C’è un Bruto in Russia? C’è un colonnello Stauffenberg di maggior successo nell’esercito russo? L’unico modo in cui questo finisce è che qualcuno in Russia lo elimini. Faresti un grande servizio al tuo paese e al mondo”.

Così in un tweet il senatore repubblicano Lindsey Graham che di fatto si appella a qualcuno all’interno del paese per far cessare l’invasione.

Qui Repubblicani

Klaus von Stauffenberg era un ufficiale dell’esercito tedesco che tentò di uccidere Adolf Hitler nel luglio 1944. Il senatore repubblicano della Carolina del Sud ha fatto appello al popolo russo perché “si faccia avanti”. Le uniche persone che possono risolvere questo problema sono il popolo russo, ha detto: “Facile a dirsi, difficile da fare. A meno che tu non voglia vivere nell’oscurità per il resto della tua vita, essere isolato dal resto del mondo in condizioni di estrema povertà e vivere in oscurità è necessario salire al piatto”. Spicca in queste parole la strategia repubblicana di attacco anche alle mosse decise dalla Casa Bianca nel dossier ucraino.

Qui Democratici

Tattica vs attacco. I Democatici scelgono ancora la prudenza, anziché l’entrata a gamba tesa nel conflitto, e sembrano essere incoraggiati dalla gestione della crisi in Ucraina da parte del presidente Joe Biden, ma il tutto serve anche a scongiurare una vittoria dei Repubblicani alle elezioni di Midterm. La riluttanza di Biden a rintuzzare gli attacchi dei repubblicani è una spia di malessere: non solo circa il fatto che la guerra in Ucraina possa degenerare ulteriormente, ma anche circa le azioni concrete che gli Usa stanno mettendo in campo.

Vax diplomacy

Come la richiesta di 32 miliardi al Congresso per finanziamenti all’Ucraina. L’Office of Management and Budget ha richiesto 10 miliardi di dollari in nuovi aiuti umanitari, di sicurezza ed economici all’Ucraina e ai suoi partner dell’Europa centrale. Di questi, 22,5 miliardi andrebbero a garantire la fornitura di trattamenti antivirali Covid, finanziare test e vaccinazioni e sviluppare vaccini che proteggano dalle varianti future.

@L_Argomento

Articoli Correlati

Internazionale

Intanto Biden ripristina l'Indo-Pacific Economic Framework (IPEF) dopo che 5 anni fa Trump si era ritirato da quel partenariato

Internazionale

Gli americani nella cabina elettorale guardano prima alle problematiche interne e, solo dopo, alle crisi internazionali. Come dire che la questione del latte conterà...

Internazionale

Anche se la decisione è dettata dalle perdite subite e dal fallimento della guerra lampo, la dottrina Draghi-Macron impone di pensare già al dopo

Politica

L'informativa del premier in Parlamento da un lato chiude le polemiche di chi ha sollevato dubbi sulla posizione italiana e dall'altro offre quella visione...