Connect with us

Hi, what are you looking for?

Politica

Caro-energia, tasse e decrescita: rischio stagflazione per l’Italia. L’allarme di Gusmeroli (Lega)

Intervista al vicepresidente della Commissione Bilancio: “Il governo ha pasticciato sul superbonus, ma abbiamo rimediato. No alle tasse sulla casa, sui BOT, sui CCT. Modifica al Recovery? Parliamone”

Tempo di lettura stimato 2 minuti

No agli aumenti di tasse, sì ad una nuova era che raddrizzi il super bonus e combatta l’inflazione, anche con una modifica al Recovery Plan. Lo dice a L’Argomento l’on. Alberto Gusmeroli (Lega), vicepresidente della Commissione Bilancio di Montecitorio e sindaco di Arona secondo cui l’Italia rischia la stagflazione.

No alle tasse sulla casa e sui bot: quale la linea della Lega sulla riforma fiscale?

Siamo contro una riforma del catasto che, sostanzialmente, sposta il calcolo dalla rendita catastale alla rendita di mercato, perché quest’ultimo è di gran lunga superiore alla rendita catastale. Quindi una riforma di questo tipo non può che far aumentare il costo dell’imu, delle compravendite, dell’iva: in più è prodromica ad una futura tassazione della prima casa. Inoltre la prima casa è nel calcolo dell’Isee, per cui se dovesse aumentare vorrebbe dire per i cittadini avere aumenti per gli asili, gli scuolabus, le mense e via via tutti i servizi sociali. Si colpirebbe anche una fascia di popolazione che è meno abbiente.

Il Governo ha aperto alla possibilità di prorogare la scadenza del 30 giugno per le unità unifamiliari dopo la sua interrogazione. Cosa cambia in concreto per il super bonus?

Abbiamo ottenuto la garanzia che dopo l’approvazione del Def, verosimilmente ai primi di maggio, il governo prorogherà il bonus del 110% a settembre o addirittura a dicembre. Non dimentichiamo che fino ad ora il governo ha fatto dei pasticci: con l’art. 28 del decreto sostegni-ter per due mesi ha praticamente bloccato l’intero mercato delle ristrutturazioni, perché non era più possibile cedere crediti o fare lo sconto in fattura. E dal momento che molti italiani si sono attivati per ristrutturare la villetta, perché era di fatto gratis, è chiaro che si è fermato tutto per colpa del governo. Ma non è finita qui.

Ovvero?

C’è un’enorme penuria di materie prime, per questa ragione era utile intervenire.

L’inflazione galoppa al 6,7%: cosa si può fare nell’immediato per ovviarvi?

Bisogna pensare ad un grosso scostamento di bilancio, per ridurre uno dei motivi della crescita dell’inflazione: il costo dell’energia. E’ il famoso costo delle bollette per famiglie, imprese e aggiungerei anche per i comuni. Inoltre è necessario intervenire sul prezzo della benzina, perché tutte queste voci incidono sui prezzi di tutti i prodotti. Ci troveremo pane e pasta alle stelle, per effetto del costo dell’energia. In secondo luogo serve intervenire sulla decrescita: avevamo stimato una crescita del 4%, adesso sembra che siamo il 3%. Significa che, se non interverremo, alla fine dell’anno arriveremo all’1,5%.

Con quali conseguenze?

I rischi sono quelli della stagflazione: ovvero stagnazione più inflazione. Poca domanda, bassa crescita, aumento dei prezzi: quindi uno scenario da anni ’70, con le domeniche a piedi e le luci spente per risparmiare. Dobbiamo assolutamente scongiurarlo.

In che modo?

Da un lato calmierando l’inflazione e intervenendo sui combustibili, dall’altro spingendo alla crescita aprendo il portafoglio con più scostamenti di bilancio.

Il Recovery potrà essere modificato per venire incontro alle esigenze di cittadini e imprese?

Normalmente non è possibile trasformare spese per investimenti in strumenti per calmierare i prezzi. Però si potrebbe chiedere una deroga all’Ue, data la situazione assolutamente eccezionale. Viceversa bisogna essere ancora più rapidi nello spendere i soldi del Pnrr perché gli investimenti producono crescita, occupazione e Pil. Se languono esportazioni e domanda interna, bisognerà spingere giocoforza sugli investimenti.

@L_Argomento

Articoli Correlati

Economia

L'intervento di Claudio Togna: colpire la casa in Italia significa colpire un risparmio già tassato all'origine ed acquistato con denaro duramente guadagnato su cui...

Politica

Non vi saranno delfini nel partito, semplicemente perché non si tratta di un partito ma di un movimento che si esaurirà quando il leader...

Politica

Lega e Movimento Cinque Stelle sempre più vicini sulla linea in politica estera, in tema di guerra e di invio degli armamenti all’Ucraina. Matteo...

Politica

Parte oggi da Roma, con una Convention, il ‘percorso di ascolto’ in tutto le regioni italiane voluto dal leader della Lega Matteo Salvini. Il...