Bitcoin: Ametrano, “per quotazione non ci sono limiti, è il nuovo oro digitale”

Bitcoin: Ametrano, “per quotazione non ci sono limiti, è il nuovo oro digitale”

'Ma se si vogliono grandi rendimenti bisogna attendersi una grande volatilità

Tempo di lettura stimato 2 minuti

Bitcoin: Ametrano per quotazione
“Negli Stati Uniti le banche di investimento descrivono ormai scenari in cui la quotazione di Bitcoin potrebbe essere tra 150 e 400 mila dollari entro la fine dell’anno”, valori che fanno impallidire i valori attuali (intorno a quota 55 mila dollari), anche se non è esclusa una forte volatilità, con andamenti da montagne russe come si è visto in questi anni. Lo sottolinea all’Adnkronos Ferdinando Ametrano, uno dei ‘pionieri’ italiani della criptovaluta, ricordando come “il processo per mettere a fuoco il valore di un bene controverso come il Bitcoin è controverso e quindi volatile”. “Ma la volatilità – spiega – è comparabile a quella di Apple, Netflix, Amazon e Tesla ovvero gli asset più performanti degli ultimi dieci anni. I rendimenti sono sempre la remunerazione di rischi, è evidente che grandi ritorni finanziari debbano essere collegati a grandi rischi di volatilità”.

Tuttavia Ametrano, già Head of Blockchain and Virtual Currencies in Intesa Sanpaolo e direttore scientifico del Crypto Asset Lab dell’università Milano-Bicocca, dove insegna ‘Bitcoin and Blockchain Technology’, nonostante il suo ‘entusiasmo’, si mostra scettico sulla possibilità che in tempi brevi il Bitcoin possa diventare uno strumento di pagamento nella quotidianità.

“Questa narrativa la vedo una trovata di marketing, anche quando lo stesso Elon Musk dice che si possono comprare le Tesla in Bitcoin” osserva.

“D’altronde nessuno paga il cappuccino grattugiando un po’ di oro fisico dal suo lingotto”. Il riferimento al bene rifugio per eccellenza non è casuale: “Bitcoin strumento di pagamento è sempre stato implausibile e non è mai decollato; si è affermato invece il concetto di Bitcoin come bene rifugio e ‘oro digitale’. In questo ovviamente sono d’accordo con il presidente della Federal Reserve, Jerome Powell, che vedeBitcoin come un possibile ‘sostituto dell’oro’ più che una valuta”.

“Non a caso – ricorda Ametrano – l’istituto che ho fondato si chiama Digital Gold Institute”.
Bitcoin: Ametrano per quotazione

TAGS