Bianchi: ‘Draghi segue dossier scuola’

Bianchi: ‘Draghi segue dossier scuola’

Fratta: vigili su responsabilità presidi

Tempo di lettura stimato 2 minuti

Bianchi: ‘Draghi segue dossier scuola’
In vista del primo giorno dell’anno scolastico, oggi primo settembre, il ministro dell’Istruzione Patrizio Bianchi ha convocato ieri una conferenza di servizio con i dirigenti scolastici, alla quale sono stati presenti anche il
direttore della prevenzione, dell’Istituto Superiore della Sanità, Giovanni Rezza, il Capo Dipartimento per il sistema educativo di istruzione e formazione, Stefano Versari, e il Capo Dipartimento per le risorse umane, finanziarie e strumentali, Jacopo Greco. Hanno preso parte alla Conferenza oltre 7.000 fra dirigenti scolastici e degli uffici territoriali

In apertura della conferenza, il ministro Bianchi ha fatto sapere di aver fatto nella mattinata una riunione a palazzo Chigi con il presidente del Consiglio, il ministro delle Infrastrutture e quello della Salute, e ha rassicurato sul fatto che “il premier segue personalmente la riapertura della scuola”.

Riguardo alla scuola in presenza, il ministro ha tenuto a sottolineare che “per il benessere psicofisico delle nostre ragazze e dei nostri ragazzi la scuola deve tornare in presenza. Siamo in condizioni di farlo e lo siamo grazie al lavoro che voi dirigenti e tutto il personale avete fatto con le vostre scuole”.

Versari e Greco hanno fornito chiarimenti ai dirigenti e dato ulteriori indicazioni alle scuole sui provvedimenti predisposti nelle scorse settimane per settembre: il decreto legge del 6 agosto 2021, il Piano scuola 2021/22, il Protocollo d’intesa per la ripresa in sicurezza.

Le questioni di natura sanitaria sono state affrontate, nel corso della riunione, dal Direttore generale della prevenzione del Ministero della Salute, Giovanni Rezza. “La scuola è il perno fondante dell’unità nazionale. Voglio ringraziare tutti voi per il grande lavoro svolto – ha detto il Ministro -, per quello che state svolgendo e per la lucida determinazione con cui stiamo affrontando la ripresa della scuola, che è la ripresa dell’intero Paese. Siete dirigenti dello Stato, la scuola è l’unica grande infrastruttura nazionale. Abbiamo voluto organizzare questa Conferenza di servizio proprio per individuare e affrontare insieme i prossimi passaggi in vista della ripartenza”, ha concluso il Ministro.

I dirigenti, dalla loro, hanno risposto di essere rimasti soddisfatti delle rassicurazioni del ministro riguardo al Green-pass e la sicurezza a scuola. ma al contempo chiedono di restare vigili sulla loro responsabilità nel monitoraggio della sicurezza.

“Ritorno a scuola in presenza e con il Green pass: noi lo chiediamo da mesi, il ministro Bianchi, convocando migliaia di presidi italiani, ha voluto tranquillizzare gli animi per la ripresa dell’anno scolastico. In momenti così difficili ci vuole senso civico e responsabilità”, ha detto Attilio Fratta, presidente di DirigentiScuola, sindacato dei presidi.

“il dato certo è che la scuola deve ricominciare senza didattica a distanza e rispettando le regole – ha proseguito – Sono stati confermati tutti gli aspetti del protocollo sicurezza siglato il 14 agosto che noi abbiamo firmato senza titubanza, appunto perché bisogna essere seri e responsabili”.

Per DirigentiScuola, rimangono tuttavia, aperte “alcune questioni dirimenti: per esempio la decorrenza della decurtazione stipendiale, il termine dei contratti di supplenza, le modalità applicative del procedimento sanzionatorio, la natura del provvedimento di delega o incarico per coloro che dovranno svolgere i dovuti controlli.

Tutti temi – sottolinea Fratta – sui quali attendiamo lumi e norme. Le problematiche legate alla pandemia non devono però mettere in secondo piano i drammi atavici della scuola: dalle classi pollaio alle scuole senza dirigente alle sedi senza affidamento. Come sempre noi non abbassiamo la guardia e rimaniamo in attesa di sviluppi”.
Bianchi: ‘Draghi segue dossier scuola’

Shortlink: https://bit.ly/2V4nMS9

TAGS