Home » Barbie, continua la Barbie-mania: spopolano gelati, sandali e doll therapy

Barbie, continua la Barbie-mania: spopolano gelati, sandali e doll therapy

Sono passati ormai circa 20 giorni dall’uscita del film Barbie, che ha riscosso un successo internazionale senza precedenti. Quello che era stato definito il trend dell’estate sta proseguendo, con il gelato alla Barbie-bietola, l’acquisto dei sandali del film ma anche la doll therapy che arriva nelle case di riposo. È la Barbie-mania che non ha fine.

Barbie, spopola la Barbie-mania: schizzano le vendite dei sandali del film e a Roma c’è il gelato rosa

Il film di Barbie ha riscosso un successo clamoroso, che ha coinvolto molto tutti gli amanti del cinema. La pellicola con Margot Robbie e Ryan Gosling è piaciuta a tutti e da cui è stato coniato il termine Barbie-mania, che descrive bene il modo in cui ormai tutti parlino di questo film. E non solo. Perché negli ultimi giorni, le vendite dei sandali Birkenstock, in particolare quelli del modello Arizona, sono schizzate raggiungendo dei picchi del +110% rispetto alle vendite che vengono ottenute normalmente. Il merito è proprio di Barbie: i sandali compaiono spesso nel film. Invece, a Roma riscuote un successo clamoroso il gelato rosa, alla Barbie-bietola. Un modo goloso ed estivo per omaggiare il film di grande successo.

La doll therapy entra nelle case di riposo

Intanto la doll therapy entra nelle case di riposo anche sull’onda della Barbie-mania. Nella RSA San Raffaele di Campi Salentina, in provincia di Lecce, gli operatori sanitari hanno comprato delle Barbie per gli ospiti della struttura, in particolare per i pazienti affetti da Alzheimer. “Le pazienti hanno preso le bambole e ci si sono rapportate come se non avessero mai smesso di farlo” ha raccontato Irene Patruno, educatrice professionale della residenza. Quindi, si può dire che ormai la Barbie-mania sia entrata anche nelle case di riposo. D’altronde, comunque, la doll therapy rientra negli esercizi che vengono fatti effettuare per le demenze. Con la differenza che, ora, saranno sempre le Barbie a farla da padrone.