Auguri a De Gregori, poeta con la chitarra

Auguri a De Gregori, poeta con la chitarra

70 anni facendo cantare – e sognare – intere generazioni. Un ritratto del cantautore

Tempo di lettura stimato 2 minuti

Auguri a De Gregori, poeta con la chitarra
Francesco De Gregori e i suoi settant’anni.

Nel 1973 pubblicava il suo primo album con Alice non lo sa e per chi è nato proprio in quell’anno ha passato la sua adolescenza a metà degli anni Ottanta con un registratore portatile a cassette Walkman e delle cuffiette di spugna sull’autobus per andare al Liceo facendo con i tasti avanti e indietro play ascoltando e riascoltando le sue canzoni fino ad impararle a memoria.

Chiusi nelle nostre camerette con i poster attaccati alle pareti o guardando fuori dal finestrino delle automobili dei nostri genitori che nei fine settimana ci portavano nelle seconde case o al mare o in campagna, il nostro desiderio “adultescente” desiderava di passare il tempo libero con i nostri piccoli amori non corrisposti (con una donna che non hanno amato mai) ascoltando De Gregori: Rimmel, Generale dietro la collina, la donna cannone o la Leva calcistica del ’68 le nostre spalle strette e il desiderio di giocare con il numero sette o immaginando esaltanti stacchi di velocità in bicicletta con Girardengo grande campione.

Cresciuti all’Università si fischiettava: “ La Storia siamo noi, attenzione nessuno si senta escluso” e durante le accese contestazioni della Pantera ’90 si urlava in coro:

“ Hanno ammazzato Pablo ma Pablo è vivo!” era Neruda ma noi in eskimo e co sottobraccio i titoli rossi dei nostri giornali lanciavamo l’omaggio al nostro principale intellettuale di riferimento che era Pier Paolo Pasolini e a quel fattaccio dell’Idroscalo di Ostia. In quel periodo si imparavano a conoscere le battaglie Radicali antiproibizioniste libertine libertarie e De Gregori dedicò un brano proprio al carismatico e contraddittorio leader Marco Pannella: “ il signor Hood con due pistole caricate a salve e un canestro di parole”.

Dall’autunno del ’68 partito da una stanza umida di una cantina alle pendici del Gianicolo (Folk Studio) Francesco De Gregori suona con l’amico di sempre Antonello Venditti fino a programmare un concerto con lui allo Stadio Olimpico (rimandato a causa della pandemia).

Auguri Poeta, buon compleanno e grazie per le emozioni che continui a darci.
Auguri a De Gregori, poeta con la chitarra
Shortlink: https://bit.ly/3msb4pC

TAGS