Please wait..
Notizie

Aslan, il gatto semi-cieco riapre finalmente gli occhi: la commovente storia

Please wait..

Dal Bradford Cat Watch Rescue and Sanctuary, in Inghilterra, arriva una storia destinata a toccare i cuori di tutti gli amanti degli animali e non solo. Infatti, nel rifugio è arrivato un gatto, poi chiamato Aslan, affetto da entropion, ossia l’inversione delle palpebre verso l’interno. Le condizioni di Aslan erano terribili all’arrivo nel rifugio, ma per lui i volontari avevano in serbo una seconda possibilità.

Aslan: la storia del gatto semi-cieco affetto da entropion

La storia di Aslan, un gatto di razza Maine Coon di un anno, ha fatto letteralmente il giro del mondo emozionando gli amanti degli animali di tutto il mondo. Aslan è arrivato al Bradford Cat Watch Rescue and Sanctuary, in Inghilterra, e le sue condizioni erano molto gravi. A causa dell’entropion, una malattia che causa l’inversione delle palpebre verso gli occhi, Aslan era semi-cieco e rischiava anche di perdere la vista. All’epoca Aslan era solo un cucciolo ma sembrava essere un gatto anziano proprio per via delle condizioni degli occhi. Aslan soffriva proprio di dolorose irritazioni agli occhi, perché le palpebre sfregavano verso l’interno causandogli dei seri problemi.

L’intervento che ha restituito la vista ad Aslan

Il rifugio per animali presso cui Aslan viveva, ha deciso di organizzare un delicato intervento chirurgico. Per fortuna, tutto è andato per il verso giusto, ed Aslan ha recuperato completamente la vista. Le palpebre sono state corrette e sono tornate nella posizione giusta, quindi il felino ha potuto aprire completamente i suoi occhi, senza più nessun problema. Dopo due mesi, Aslan è stato sottoposto ad un nuovo intervento per rendere più preciso il lavoro ed anche per togliere 13 denti danneggiati dalla cattiva alimentazione. Ora, il gatto è completamente guarito e il rifugio ha annunciato che è pronto per trovare una famiglia. Adesso che la sua storia si è diffusa tanto, è probabile che Aslan trovi una famiglia disposta ad accoglierlo.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio