Connect with us

Hi, what are you looking for?

Culture

Arriva Cactus Edu, il progetto cinematografico per le scuole

OCCUPAZIONE EX CINEMA ARTI CON STUDENTI E LAVORATORI DELLO SPETTACOLO
Tempo di lettura stimato 2 minuti

Raccontare e ascoltare storie: niente di più insito nella natura umana, e da più di un secolo le storie trovano il loro luogo simbolo nel cinema. Dopo una prima edizione di successo, torna ad Aosta il Cactus International Children’s and Youth Film Festival, nato proprio dalla passione per le storie ed il cinema, il festival dedicato a chi è bambino oggi e a chi non ha dimenticato di esserlo stato, in programma dal 20 al 22 maggio.

Dall’esperienza del Cactus International Children’s and Youth Film Festival nasce quest’anno Cactus Edu, con l’obiettivo di promuovere programmi di educazione all’immagine con riferimento, in particolare, al potenziamento delle competenze nel linguaggio audiovisivo. Cactus Edu è il progetto pensato per la scuola che per questa prima edizione ha raccolto l’adesione di oltre 30mila studenti di tutte le 20 regioni italiane.

Cactus Edu è volano di esperienze di crescita relazionale, culturale ed emotiva grazie all’offerta di un cinema di qualità in un percorso formativo di promozione e diffusione della cultura dell’audiovisivo tra bambini e ragazzi. Il percorso si sviluppa attraverso un concorso cinematografico per il quale gli alunni sono invitati a formare le “giurie giovani”, ciascuna legata alla classe d’età individuata dal festival: la selezione 3+, rivolta alle classi dalla Scuola dell’Infanzia ai primi due anni della Primaria; la selezione 8+, rivolta agli ultimi tre anni della Scuola Primaria; la selezione 11+, rivolta alla Secondaria di primo grado.

Ulteriore novità dell’edizione 2022 è Flip Your Vision, il primo concorso dedicato ai cortometraggi realizzati dagli studenti in ambito scolastico: se con Cactus Edu gli studenti e le studentesse sono il pubblico di riferimento, con Flip Your Vision hanno la possibilità di trasformarsi in veri e propri autori e autrici, registi e registe della propria opera. Il concorso sarà un prezioso raccoglitore delle loro voci e visioni, con un tema diverso per ogni edizione. “Green Visions” è il focus di quest’anno: il nostro sguardo sull’ambiente e sulla sostenibilità attraverso il legame con il territorio”, un tema su cui i bambini e ragazzi hanno molto da dire e questo spazio è uno dei modi con cui il Festival vuole offrire loro la visibilità e l’ascolto che meritano. È previsto un premio di 400 euro per le scuole vincitrici, una in ogni sezione. La premiazione ufficiale avverrà durante la settimana del Cactus International Children’s and Youth Film Festival, nel mese di maggio 2022. In quella stessa settimana i cortometraggi selezionati andranno in onda su Rai Gulp (canale 42), all’interno di “Explorandom”, la striscia quotidiana dedicata ai ragazzi.

Cactus Edu è organizzato da Long Neck Doc Associazione Culturale con il contributo dell’Assessorato istruzione, università, politiche giovanili, affari europei e partecipate della Regione autonoma Valle d’Aosta e di CVA ENERGIE S.r.l. Inoltre, il progetto è realizzato con il patrocinio di Film Commission Vallée d’Aoste e con la collaborazione del Centro di Ricerche Educative su Infanzia e Famiglie del Dipartimento di Scienze dell’Educazione “GM Bertin” dell’Alma Mater Studiorum – Bologna. Rai Ragazzi, Rai Gulp e AostaSera.it sono i media partner ufficiali.

@L_Argomento

 

 

Articoli Correlati

Politica

L'Associazione NON SI TOCCA LA FAMIGLIA chiede al governo di restituire alla famiglia, ai sensi dell’articolo 30 della Costituzione, il proprio ruolo.

Politica

L'esperta giurista a L'Argomento: “Si rafforza così il decreto della Fedeli per garantire il pluralismo educativo e soprattutto salvare le sacche meridionali maggiormente esposte...

Politica

Dal 1 maggio l’obbligo di certificazione verde (green pass e super green pass) sparirà quasi ovunque. Anche per i dispositivi di protezione (mascherine) in...

Culture

A cento anni dalla scomparsa dello scrittore siciliano, un’esposizione per celebrare la passione per la fotografia di Giovanni Verga, ancora sconosciuta al grande pubblico.