Spagna: Vox rompe con il Pp

Spagna: Vox rompe con il Pp

Il motivo: il leader è stato dichiarato persona non grata a Ceuta

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

Spagna: Vox rompe con il Pp
Il partito di estrema destra spagnolo Vox ha dichiarato “interrotte” le relazioni con il Partito Popolare (Pp), principale formazione d’opposizione al 
governo nazionale che in diversi territori (come nella regione di Madrid) è al potere proprio grazie al suo sostegno dell’ultradestra.

All’origine della presa di posizione di Vox c’è il fatto che venerdì l’Assemblea della Città Autonoma di Ceuta, enclave spagnola in Marocco, ha dichiarato “persona non grata” Santiago Abascal, nazionale leader di Vox, per aver “messo in pericolo la convivenza” dei cittadini e “seminato odio” nel corso di due visite che il leader di Vox fece a Ceuta lo scorso maggio.

La dichiarazione è stata approvata anche grazie all’astensione del Partito Popolare.

“O (il Pp) ripara i danni causati da quel voto, o non potrà continuare a chiederci aiuto per approvare le sue proposte”, ha affermato ieri il vicepresidente di Vox Jorge Buxadè. Da parte sua, fonti della direzione nazionale del Pp consultate dai media iberici, hanno sostenuto che l’avversario politico della formazione è il premier socialista Pedro Sanchez e che il partito non partecipa al gioco di creare “cordoni sanitari” nei confronti di altre forze politiche.
Spagna: Vox rompe con il Pp

Shortlink: https://bit.ly/3iVnGnT

TAGS