Col rimpasto di Sanchez più donne e giovani al governo

Col rimpasto di Sanchez più donne e giovani al governo

Il premier spagnolo annuncia il cambio di sette ministri per 'un'equa ripresa economica'

Tempo di lettura stimato < 1 minuto

Col rimpasto di Sanchez più donne e giovani al governo
Con la sostituzione di sette ministri, il premier spagnolo Pedro Sanchez ha annunciato oggi il suo più grande rimpasto di 
governo per pilotare la ripresa economica e portare “giovani, vicinanza” e più donne.

Il rimpasto implica l’uscita di scena di tre pesi massimi: la prima vicepresidente, Carmen Calvo, il numero tre del partito socialista Psoe, Jose’ Luis Abalos, e il suo capo di gabinetto, Ivan Redondo. “E’ stata costituita una squadra focalizzata su un’equa ripresa economica, portando giovani e vicinanza”, ha affermato Sanchez in una dichiarazione istituzionale a La Moncloa.

Oltre a Calvo, lasciano il governo la ministra degli Esteri, Arancha Gonzalez Laya, e i titolari di Giustizia, Juan Carlos Campo; Cultura e sport, Jose’ Manuel Rodriguez Uribes; Istruzione, Isabel Celaa; Scienza, Pedro Duque; e Trasporti, Josè Luis Abalos.

Il nuovo governo rappresenta un ricambio generazionale, passando da un’età media di 55 a 50 anni, e il rafforzamento della presenza delle donne, che passano dal 54% al 63%. Il rimodellamento non riguarda i cinque ministeri di Unidas Podemos.
Col rimpasto di Sanchez più donne e giovani al governo

Shortlink:  https://bit.ly/3e45IxE

TAGS