Inchiesta lobby nera: indagata e perquisita la ‘donna del trolley’

Inchiesta lobby nera: indagata e perquisita la ‘donna del trolley’

Tempo di lettura stimato 2 minuti

Invece dei soldi, la Costituzione e libri sull’Olocausto. É questo che i giornalisti di FanPage avevano messo nel trolley rosso, ritirato da una donna, e che doveva invece contenere i finanziamenti illeciti destinati al “barone nero” Roberto Jonghi Lavarini.

Contanti che, almeno stando alle sue parole, sarebbero dovuti finire a politici di destra in vista delle elezioni amministrative. Abbastanza perchè il nome della 36enne georgiana Mandilosani Lali Panchulidze Aznaurim, protagonista di questo “scambio”, venisse iscritto nel registro degli indagati nell’ambito dell’inchiesta della Procura di Milano sulla cosiddetta lobby nera.

Nel video di FanPage, la 36enne appare di spalle, nascosta da foulard e occhiali neri. Armata di parola d’ordine, si avvicina con passo sicuro al tavolino dove l’aspetta il giornalista in incognito. Pochi secondi e si allontana trascinando la pesante valigia rossa. Tutto sotto l’occhio vigile di Jonghi Lavarini, che osserva la scena a distanza.Un ruolo che ha fatto sì che la biondissima, presidente dell’Associazione culturale Italia – Georgia – Eurasia (AcIGEa) finisse indagata per finanziamento illecito e riciclaggio.

Gli stessi reati contestati dall’aggiunto Maurizio Romanelli e dai pm Piero Basilone e Giovanni Polizzi anche a Jonghi Lavarini, all’eurodeputato di FdI Carlo Fidanza e al commercialista Mauro Rotunno.

Lo studio del professionista è stato perquisito tre settimane fa, mentre ieri gli uomini del Nucleo Valutario della Guardia di Finanza hanno bussato alla porta di casa della 36enne e a quella dell’Associazione Culturale Internazionale Ecumenica Cristiana Italia Georgia Eurasia. Oltre a documentazione cartacea, sono stati sequestrati anche computer e dispositivi informatici.

La vicinanza di Mandilosani Lali Panchulidze Aznaurim con Jonghi Lavarini è testimoniata dal fatto che sul sito dell’associazione che la donna presiede, fino a poche ore fa compariva un lungo post proprio del ‘barone nero’, che parlava di “storica vicinanza” tra Italia e Georgia. Panchulidze Aznaurim, con un passato da impiegata di banca, insegnate, ma che nel mondo della moda e della comunicazione, può vantare anche altre amicizie importanti. Gli scatti sulla pagina web, infatti, sono tanti: ci sono giornalisti, critici d’arte e personalità.

La donna sarebbe anche vicina a Gianluca Savoini, ex portavoce del leader della Lega Matteo Salvini e presidente dell’associazione LombardiaRussia.