Giornalista di RaiNews aggredita dai NoVax

Giornalista di RaiNews aggredita dai NoVax

Ennesimo episodio di teppismo a spese dei giornalisti che devono raccontare le manifestazioni NoVax. Urgente un servizio di scorta

Tempo di lettura stimato 2 minuti

Giornalista di RaiNews aggredita dai NoVax
Almeno date la scorta ai giornalisti che vanno sul fronte. Il “fronte”, chiamiamolo così, è quello caldo delle piazze delle nostre città, da Roma a Milano, da Genova a Napoli, dove sempre più spesso va in scena la protesta dei No Vax e No Green Pass.

L’ultima, a Roma, è stata la giornalista Rai (RaiNews24) Antonella Alba. Era andata in piazza del popolo per intervistare i No Vax sulle loro ragioni, è stata assaltata. Le hanno strappato il microfono, poi il telefono. Ne è nato un parapiglia da cui la giornalista si è divincolata solo grazie all’intervento degli agenti di polizia presenti. Alba se l’è cavata con ferite superficiali, refertate al pronto soccorso. Ma è solo l’ennesimo episodio di una lunga serie. Il Riformista, Il Messaggero, Roma Today, Leggo hanno visto i loro giornalisti inseguiti, picchiati, minacciati. La7, Rai, Mediaset ricorrono ormai a brevi servizi solo se circondati da cordoni di agenti in tenuta antisommossa.

“É grave – scrive il cdr di Rainews24 – che una giornalista sia aggredita da coloro che usano come slogan “Libertà, Libertà”. Sosterremo la Antonella Alba in ogni sede per difendere il lavoro dei giornalisti e il diritto dei cittadini ad essere informati”. Riassume la situazione Licia Ronzulli: “Le violenze messe in atto dai no vax e dai no green pass sono inaccettabili e stanno assumendo profili preoccupanti. A Roma è stata addirittura aggredita una giornalista di Rainews24, mentre a Milano e’ stato vandalizzato un gazebo del Movimento 5 Stelle. Questa escalation, che deve essere immediatamente fermata, dimostra la necessita’ che la politica sia unita non solo contro questi fanatici, ma soprattutto nella difesa dei vaccini e del green pass, strumenti necessari a garantire la sicurezza sanitaria”.

Da queste nostre colonne potessimo fare tre appelli: il primo all’Ordine dei giornalisti affinché convochi tutti i tavoli possibili per garantire le condizioni minime di sicurezza per svolgere questo nostro mestiere (Mentana parla giustamente di “mestieraccio”). Il secondo alla Ministra Lamorgese, perché non è più possibile veder minacciare e inseguire i giornalisti in tutte le strade di Roma e di Milano. Stiamo scivolando agli ultimi posti nelle classifiche mondiali sulla libertà di stampa. Si può fare qualcosa? È possibile prevedere un minimo di scorta armata per i giornalisti “al fronte”, visto che poi finiscono puntualmente in ospedale?

Da ultimo, un appello alla politica, al governo: lo hanno capito anche i sassi che l’unica strada per uscire dalla crisi Covid è rendere obbligatorio il vaccino e dunque il Green Pass. Lo Stato faccia lo Stato e agisca per il bene dei cittadini. Così i No vax potranno dire tranquillamente la loro con tutta la libertà e la sicurezza di ciascuno, durante le ore di visita dei parenti al parlatorio.
Giornalista di RaiNews aggredita dai NoVax

Shortlink:  https://bit.ly/3kEEnET

TAGS