Cinema

Anticipazioni puntate turche Terra Amara: Per Behice è ormai arrivata l’ora di pagare

Le anticipazioni delle puntate turche di Terra Amara che vedremo a breve, si inizierà a fare chiarezza su alcune situazioni poco chiare. Demir sempre più vicino alla verità sulla morte della sua amata madre, vediamo nello specifico cosa sta succedendo. Nessuno conosce la verità sulla morte della capostipite della famiglia, l’unico a conoscere la mano assassina è Gaffur che non può parlare perché ricattato dall’assassino stesso. a questo punto della storia ci sarà una grande novità, la testimonianza di un tassista che svelerà proprio a Demir alcuni fatti accaduti.

Il conducente del taxi rivela di aver accompagnato una donna mora e formosa proprio il giorno dell’omicidio nel luogo dove fu ritrovato il corpo privo di vita di Hunkar, l’uomo rivelerà a Demir anche il nome della donna la terribile zia della dottoressa Mujgan. Dopo questa rivelazione lo Yaman infuriato si recherà a casa di Behice e la prendere di petto.

Anticipazioni turche Terra Amara, Demir sfoga la sua rabbia sull’assassina di sua madre

Dopo aver trovato la colpevole dell’omicidio l’imprenditore furioso le stringe le mani al collo nel tentativo di strangolarla, per fortuna in quel momento arrivano Zuleyha e Sevda che impediscono all’uomo di commettere un tremendo errore macchiandosi di un omicidio. Zuleyha è sempre più convinta che sia veramente Behice la colpevole ma non ha le prove, così decide di indagare per trovarle, si mette in contatto con Sadi ex commissario conosciuto anni prima a Istambul e gli racconta i fatti dicendogli inoltre di essere certa della colpevolezza della donna.

La cosa peggiore della situazione, non ci sono prove certe della colpevolezza della malvagia zia di Mujgan, il figlio di Hunkar ha offerto una ricompensa a chi potrà testimoniare l’accaduto, ci auguriamo che presto qualcuno possa svelare e confermare l’accaduto in modo che il colpevole o la colpevole possa pagare per la morte dell’amata signora di Cukurova.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio