Cinema

Chi era Alessandro Momo ex fidanzato Eleonora Giorgi: la morte e l’accusa all’attrice

Alessandro Momo è stato il fidanzato di Eleonora Giorgi. Anche lui attore morì tragicamente il 19 novembre del 1974 quando aveva appena diciassette anni a pochi giorni dal compimento della maggiore età. Il giovane, al momento della morte, era alla guida di una motocicletta Honda CB 750 Four di proprietà della donna che gliela prestò prima di partire per un viaggio. Alessandro però non era ancora abilitato alla guida di una maxi moto. La donna fu così indagata per incauto affidamento. Oltre alla morte dolorosissima dell’uomo che amava dovette dunque affrontare anche questa pesante accusa.

Chi era Alessandro Momo?

Alessandro Momo nacque a Roma il 26 novembre del 1956 e morì il 19 dello stesso mese del 1974 sempre nella capitale. Giovanissimo iniziò la sua carriera in una serie di fotoromanzi che lo videro anche vicino alla splendida Giusva Fioravanti. La sua grandissima notorietà arriva subito dopo quando recita in Malizia e Peccato Veniale di Salvatore Samperi al fianco di una splendida Laura Antonelli.

Ha lavorato con grandissimi registi, basti pensare che recitò come co-protagonista in Profumo di Donna di Dino Risi al fianco di Agostina Belli e Vittorio Gassman. La morte fu tragica, ebbe un incidente in moto quando stava tentando di superare un taxi sul lungotevere Maresciallo Diaz nei pressi dello Stadio Olimpico di Roma. Oggi riposa al cimitero del Verano a Roma. Sono stati tanti quelli che lo hanno ricordato con affetto dopo la morte, basti pensare al cantante Patrizio Sandrelli che gli dedicò una splendida canzone dal titolo Fratello in amore.

Alla fine recitò in sette film lavorando per due volte con Salvatore Samperi ma anche con Elio Piccon, Romolo Guerrieri e Adriano Bolzoni oltre che come detto con Dino Risi e proprio Profumo di Donna del 1974 fu l’ultimo film della sua carriera. Come succedeva all’epoca non recitò mai con la sua voce e fu sempre doppiato, soprattutto da Sandro Acerbo.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio