Cinema

Tempesta d’amore, anticipazioni puntate tedesche: il dramma di Eleni, quante lacrime

Torna Tempesta d’amore e con questa anche le anticipazioni delle puntate tedesche. Nei racconti in questione troveremo grandissimo dolore per un personaggio, costretto a vivere un vero e proprio dramma. Eleni infatti avrà un malore e perderà il bambino che portava in grembo per suo grandissimo dolore. Si tratta di un contraccolpo pesante quando la donna aveva deciso anche di rinunciare a Leander Saalfeld. Un dolore dietro l’altro porterà la donna a versare moltissime lacrime.

La coppia si è allontanata nonostante il grande amore condiviso infatti la madre della ragazza Alexandra ha combinato un bel po’ di guai. Eleni così inizierà una nuova relazione con Julian Specht senza però riuscire a dimenticare il suo ex che rimane il suo grande amore. Deciderà quindi a un certo punto, pare, di lasciare il nuovo compagno per tornare dal fidanzato scoprendo però di essere incinta di Julian. Capito questo deciderà di rimanere con lui e di sposarlo lasciando Leander senza parole. Preparandosi a questo momento di festa però verrà distrutta dalla perdita del bambino.

Tempesta d’amore, anticipazioni puntata oggi 14 settembre

Ora passiamo alle anticipazioni della puntata di oggi, 14 settembre 2023, di Tempesta d’amore, specificando e ricordandovi che va in onda a partire dalle 19.50 su Rete 4 con la prima parte dell’episodio 91 ovviamente in prima tv. Mediaset Infinity ci permetterà di guardare la serie in diretta streaming anche in differita in modalità totalmente gratuita sui nostri dispositivi mobili.

Oggi Max troverà una telecamera scoprendo che Ariane sta dando dei soldi a una persona per un traffico illecito. Incontrerà dunque Michael che capirà aver preso una cotta non di poco conto per la bella Carolin. Paul rincontrerà invece Constanze sull’ambulanza dove salirà per andare in ospedale. Tra drammi e grandi dolori i personaggi si troveranno nuovamente di fronte a situazioni imprevedibili e totalmente inattese.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio