Notizie

Giorgia Meloni, “sotto attacco”: i commenti in Instagram “Maledetta”

La premier attaccata dai follower in un post su Instagram

Giorgia Meloni attaccata dai follower. In un post in Instagram, in cui lei sorride con la sua squadra di governo con la frase: “Pronti per una nuova stagione di lavoro, per far tornare grande l’Italia” la premier è stata prontamente “accusata” dal popolo del Web. Molti sono stati i commenti negativi segno che non tutti sono d’accordo con la sua linea politica

Giorgia Meloni i commenti sul web: “Maledetta”

Qualcuno degli “haters” addirittura l’ha offesa dandole del “Maledetta” per nona vere provveduto ad abbassare le accise sulla benzina e per molte altre “promesse che non avrebbe mantenuto. E non è finita qui. In tanti hanno attaccato lei e la sua squadra al punto da pentirsi quasi di averla votata. “Mi dispiace averla votata, ha fatto tutto il contrario di quello che prometteva!” ha scritto infatti qualcuno. E ancora: “Stai festeggiando un anno di disastri? Cala il PIL, calano la produzione industriale e il sostegno alle imprese, sanità non più un bene pubblico, aumentano la benzina, i mutui, i beni di prima necessità, aumentano i disoccupati, poveri sono sempre di più, l’immigrazione è allo sbando totale, hai reinserito i vitalizi per politici e parenti, hai aumentato gli stipendi alla tua casta, nelle casse italiane non ci sono soldi, nella politica internazionale non conti una cippa, del pnrr arrivano solo le briciole e te festeggi? Siamo rovinati. DIMETTITI INCAPACE”

La risposta della Premier

A quanto pare la Premier Giorgia Meloni non ha risposto ai commenti negativi. Forse perchè effettivamente impegnata in altro, o probabilmente perchè non da peso alle voci dato che ci sarà sempre chi approva e chi no un’azione governativa. Un fatto isolato? Assolutamente no. Non dimentichiamo che la Premier è stata più volge minacciata dagli Haters per la sua scelta di eliminare il Reddito di Cittadinanza. Decisione che comunque, in molti casi, era già scontata.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio