Economia

Bonus Sicurezza 2023: come ottenere il 50% di detrazione per la sicurezza domestica

Anche per il 2023 ci sarà la possibilità di ottenere una detrazione del 50% per migliorare la sicurezza delle abitazioni. Questo beneficio, noto come Bonus Sicurezza, è rivolto a coloro che desiderano proteggere la propria casa da intrusioni e rischi, coprendo una vasta gamma di spese legate alla sicurezza domestica.

Cos’è il Bonus Sicurezza?

Il Bonus Sicurezza è una detrazione fiscale del 50% sulle spese sostenute per l’acquisto e l’installazione di sistemi di sicurezza domestica, fino a un massimo di 96.000 euro. Questa agevolazione rientra nella categoria dei bonus casa ed è erogata sotto forma di detrazione Irpef, suddivisa in 10 rate annuali di pari importo. L’opportunità di richiedere il Bonus Sicurezza sarà valida fino alla fine del 2024.

Chi può richiedere il Bonus Sicurezza?

Il Bonus Sicurezza è disponibile per chi è soggetto al pagamento dell’Imposta sul Reddito delle Persone Fisiche (Irpef) e deve affrontare spese legate alla sicurezza domestica.
La lista dei potenziali beneficiari include:

  • Proprietari di immobili;
  • Soci di cooperative;
  • Imprenditori individuali;
  • Detentori di società semplici in nome collettivo o in accomandita semplice;
  • Proprietari di imprese familiari.

Quali spese copre il Bonus Sicurezza?

Il Bonus Sicurezza copre sia le spese per l’acquisto dei dispositivi di sicurezza sia quelle per l’installazione.

Le spese rientrano in interventi finalizzati a prevenire atti illeciti da parte di terzi e includono:

  • Rinforzo, sostituzione o installazione di cancellate o recinzioni murarie;
  • Apposizione di grate sulle finestre;
  • Porte blindate o rinforzate;
  • Serrature, lucchetti, catenacci, spioncini;
  • Rilevatori di apertura e di effrazione sui serramenti;
  • Saracinesche;
  • Tapparelle metalliche con bloccaggi;
  • Vetri antisfondamento;
  • Cassaforti a muro;
  • Fotocamere o cineprese collegate con centri di vigilanza privati;
  • Apparecchi rilevatori di prevenzione antifurto e relative centraline.

Come richiedere il Bonus Sicurezza?

Per beneficiare di questa agevolazione, è necessario conservare tutta la documentazione relativa alle spese sostenute e effettuare i pagamenti tramite bonifico.

Nel bonifico, è fondamentale includere il codice fiscale del beneficiario del bonus, la partita Iva della ditta che ha eseguito l’intervento, la causale del versamento in riferimento all’articolo 16-bis del Dpr 917/1986 e l’importo totale.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio