Notizie

Chi era Bryan Randall, il compagno di Sandra Bullock morto per la SLA: età, lavoro, vita

Bryan Randall, compagno storico di Sandra Bullock, si è spento a soli 57 anni dopo una lunga battaglia contro la SLA, la sclerosi laterale amiotrofica. La Bullock ha perso il suo grande amore e la triste notizia è stata comunicata in via ufficiale dalla famiglia di Bryan. Ecco tutto quello che c’è da sapere sul compagno dell’attrice.

Chi era Bryan Randall, il compagno di Sandra Bullock? Età e lavoro

Bryan Randall, nato nel 1966, si è spento a soli 57 anni. Il compagno di Sandra Bullock, che era al suo fianco ormai da anni, aveva combattuto contro la SLA. La malattia purtroppo è gradualmente peggiorata fino ad arrivare al decesso. Nato a Portland, in Oregon, Randall ha iniziato la sua lunga carriera come modello, collaborando anche con riviste di grande importanza come Vogue Paris. Ha anche collaborato con brand di alto livello come Saint Laurent e Hugo. Successivamente è diventato anche fotografo, aprendo appunto una società di fotografia a Los Angeles. La sua grande passione si è trasformata quindi nel suo lavoro principale e poi Bryan Randall ha detto addio alle passerelle.

La vita privata e la storia d’amore con Sandra Bullock

La relazione tra Bryan Randall e Sandra Bullock è iniziata nel 2015, quando i due hanno annunciato di essere sentimentalmente legati. Prima di incontrare Sandra, Bryan aveva già avuto altre relazioni ed aveva una figlia. Anche la Bullock era mamma della piccola Laila dal 2012. Dopo aver iniziato la loro storia d’amore, i due hanno adottato altri due figli che sono entrati a far parte della loro bella famiglia. Tre anni fa è poi arrivata la diagnosi di SLA, che su volere dello stesso Randall, la famiglia ha deciso di tenere segreta fino all’ultimo. “Siamo grati alle straordinarie infermiere che sono diventate le nostre coinquiline, sacrificando le loro famiglie per stare con la nostra“, ha dichiarato la famiglia al giornale People, per dare il tragico annuncio.

Articoli Correlati

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Pulsante per tornare all'inizio