Connect with us

Hi, what are you looking for?

Internazionale

2 giugno una festa anche per il Qatar

L’ambasciata celebra la Festa della Repubblica in diretta streaming

ambasciatore d'Italia Alessandro Prunas

2 giugno una festa anche per il Qatar
Presenze contingentate e una diretta streaming: così l’ambasciata d’Italia a Doha ha festeggiato in Qatar il 2 giugno. L’ambasciatore d’Italia Alessandro Prunas ha aperto l’evento alla presenza del ministro di Stato agli Affari Esteri Soltan bin Saad al Muraikhi, al direttore del protocollo del ministro degli Affari esteri, ambasciatore Ibrahim Fakhroo, al vicedirettore del dipartimento Affari europei Ali Al Khater e al decano del corpo diplomatico.

L’amicizia tra Italia e Qatar si conferma fondamentale in vari ambiti, sport incluso. Basti pensare che lo stadio dove si disputerà la partita inaugurale dei Mondiali di calcio è stato costruito da imprese italiane. “Ma la collaborazione coinvolge ogni settore – ha detto l’ambasciatore – dalla tecnologia alle costruzioni, dalla ricerca alla cultura, dal cibo alla moda.

E anche sui Mondiali stiamo lavorando con le autorità per mettere a disposizione la nostra esperienza”. Nel corso della diretta sono stati proiettati la registrazione dell’Inno Nazionale eseguito dall’Orchestra Cherubini, diretta dal Maestro Muti, il video “Ripartiamo dal futuro” per mettere in risalto le eccellenze italiane e veicolare al pubblico un messaggio positivo di ripartenza del Paese, e, in conclusione, un video che ha ripercorso l’anno proficuo trascorso, nonostante il Covid. La collaborazione tra Italia e Qatar, finora molto stretta, è destinata a crescere ancora, ha detto Prunas, anche “grazie alle apprezzabili e storiche riforme introdotte dall’Emirato. La condizione dei lavoratori migranti è un tema sul quale l’Italia e l’Europa continueranno a sostenere il percorso di riforme avviato dal Qatar. E anche le elezioni per la Shura di ottobre vanno nella direzione di una maggiore partecipazione”.

Al 2019, secondo l’Italian Trade Agency, sono quarantadue le imprese italiane in Qatar e potrebbero aumentare considerando che le risorse naturali sono enormi: il giacimento di “al-Shamal” è considerato il più esteso del mondo e fa del Qatar il terzo paese al mondo per quanto riguarda le riserve di gas, dopo Russia e Iran.

Ed anche il reddito pro capite è fra i più alti del mondo. In un “modello Qatar” originale e di qualità che si sta sempre più rafforzando, grandissima considerazione hanno le imprese italiane, considerate portatrici di un “saper fare” esclusivo e di qualità. È necessario che già all’interno dei confini nazionali, si dia la possibilità a piccole imprese di diventare grandi e a grandi realtà di consolidarsi e aprirsi a nuove opportunità. Significherebbe, far ripartire l’economia e garantire stabilità.

E così attrarre nuovi investitori esteri oltre a vedere le nostre eccellenze volare via.
2 giugno una festa anche per il Qatar

Shortlink:  https://bit.ly/3vMGScE

Articoli Correlati

In evidenza

Dichiarazione di un alto funzionario del movimento alla Reuters